Amici della Scienza

Luna: risolto il mistero dell’eclissi del 5 maggio 1110 d.C.

Alla vigilia di un’eclissi di Luna, il satellite sparì nel cielo: a provocare la rarissima «eclissi nera» fu con ogni probabilità un vulcano giapponese.

Per stare ai fatti: il 5 maggio 1110, si va verso la sera e tutto sembra normale, le stelle iniziano a brillare, la Luna appare sopra l’orizzonte e quella notte si aspetta una sua eclissi, come tante altre, ma improvvisamente scompare dal cielo, perdendo luce poco a poco per finire come inghiottita da un mostro arrivato chissà da quale parte dell’universo. Riappare poi verso il mattino.

Questo è quello che raccontano le testimonianze del tempo raccolte nelle Cronache di Peterborough, raccolte nel monastero omonimo dal 1100 al 1400 circa, che ora sono completamente digitalizzate e facilmente leggibili, anche se in un latino un po’ ostico, come ammettono gli autori svizzeri di un articolo pubblicato da pochi giorni sulla rivista Nature.

I nostri ricercatori – detective lavorando dal 2016 ad oggi e incrociando dati storici con misure sul campo fatte oggi, sono riusciti a risolvere questo piccolo enigma storico.

Per spiegare cosa possa aver provocato quell’inquietante eclissi nera, che si verificò la notte del 5 maggio 1110, un team di scienziati dell’Università di Ginevra, guidati dal paleoclimatologo Sébastien Guillet, ha esaminato anelli di alberi, carote di ghiaccio e archivi storici.

In un recente studio pubblicato su Scientific Reports, i ricercatori suggeriscono che un “cluster di eruzioni vulcaniche “dimenticato” dal 1108 al 1110, forse dal Monte Asama del Giappone, ha prodotto un “velo di polvere” sull’Europa, che ha creato la buia eclissi, oscurando i cieli per mesi, forse anni, prima di ricadere a terra.

Eclissi di Luna 1110

Come fanno notare gli autori dello studio, le “eclissi lunari totali più scure” registrate dal 1600 d.C. “sono state tutte collegate a grandi eruzioni vulcaniche” e il Peterborough Chronicle offre “uno dei racconti più lunghi e dettagliati di cui siamo a conoscenza per qualsiasi eclissi lunare scura che si sia verificata tra il 500 e il 1800 d.C.”, il che ha dato avvio alla ricerca di probabili eventi vulcanici che potrebbero averla generata.

“L’idea che l’eclissi lunare totale scura del maggio del 1110 fosse collegata al vulcanismo in realtà è arrivata molto facilmente. L’oscurità dell’eclissi lunare totale del 1110 ha a lungo catturato l’attenzione degli astronomi e noi eravamo a conoscenza dell’esistenza di questa intrigante eclissi molto prima di iniziare a lavorare sulle eruzioni del 1108-1110”, ha dichiarato Guillet a Vice.

Il team ha cercato indizi di una grande eruzione vulcanica nelle antiche carote di ghiaccio estratte da Groenlandia e Antartide. Queste carote di ghiaccio sono tesori di informazioni sul clima del passato, incluse le eruzioni vulcaniche, che possono spargere cenere ed aerosol per tutto il mondo.

Il team ha studiato i picchi di aerosol solfati nelle carote di ghiaccio prima e durante l’anno 1110, quando si è verificata l’eclissi, che indicano che le eruzioni vulcaniche hanno scaricato esalazioni nella stratosfera in quel periodo. Rispetto alle altre eruzioni vulcaniche conosciute avvenute negli ultimi 1.000 anni, questo evento vulcanico si classifica al 7° posto per la quantità di zolfo immessa nell’atmosfera.

Per rafforzare queste osservazioni, i ricercatori hanno analizzato gli anelli degli alberi in Nord America, Europa e Asia, perché si formano in risposta ai pattern climatici stagionali. Gli anelli hanno suggerito che l’anno 1109 nell’Europa occidentale fu eccezionalmente freddo e piovoso, un’anomalia che potrebbe aver causato o esacerbato gli effetti globali delle emissioni di polvere e cenere nel cielo da parte di un vulcano.

Le condizioni meteo documentate negli anelli degli alberi sono sostenute dai racconti storici che il team ha raccolto. In Irlanda, la gente fece la fame a causa delle “forti piogge e del maltempo”, secondo il manoscritto Annals of Inisfallen. Con la distruzione dei raccolti, la carestia esplose anche in Francia, uccidendo “molte persone e riducendo innumerevoli ricchi alla povertà”, come riporta Chronicle of Morigny.

 Il Peterborough Chronicle, che contiene il racconto dell’eclissi lunare scura, riporta che il 1110 fu un “anno davvero disastroso”.

Nonostante questi sconvolgimenti climatici e sociali abbiano avuto senza dubbio origini complesse, Guillet e colleghi credono che la combinazione di evidenza storiche e naturali indichi un cluster di grandi eruzioni come fattore. Le eruzioni ebbero diffusi effetti climatici, causando un calo di 1°C delle temperature nell’emisfero settentrionale (un simile calo delle temperature è stato riportato anche dopo l’eruzione del Monte Pinatubo nelle Filippine nel 1991), riporta lo studio.

Un probabile colpevole è il Monte Asama, un vulcano attivo sull’isola principale del Giappone. Il vulcano è noto per l’esplosione in una catastrofica eruzione nel 1108, che durò mesi. I suoi solfati potrebbero aver raggiunto la Groenlandia ma probabilmente non l’Antartide. “La circolazione atmosferica rende difficile che le eruzioni ad alte latitudini attraversino i tropici”, spiega Guillet e una singola eruzione ai tropici avrebbe gli stessi problemi di circolazione.

Questo significa che deve essersi verificata almeno un’altra eruzione nello stesso periodo, ma la sua identità rimane ancora un mistero. Serviranno ulteriori ricerche per trovare le fonti esatte di questo antico velo di polvere stratosferico, poiché è probabile che molte eruzioni contribuirono all’”anno disastroso” di carestie e inquietanti cieli bui.

Il team suggerisce che le ricerche future si concentrino sul caratterizzare i tefra, ossia i detriti vulcanici trovati nelle carote di ghiaccio del tempo, poiché potrebbero contenere le firme geochimiche che possono essere collegate a vulcani specifici.

Questo studio ci ricorda che la Terra e le sue civiltà sono profondamente interconnesse: un disastro naturale in un angolo del mondo può gettare nel caos comunità a migliaia di chilometri di distanza e persino oscurare la luna in una notte serena.

 

Riferimenti e approfondimenti

  1. ‘Dark’ lunar eclipse points to medieval volcanic eruptions By Katherine Kornei
  2. Amici della Scienza
5 1 vote
Article Rating
Summary
Luna: risolto il mistero dell'eclissi del 5 maggio 1.110 d.C.
Article Name
Luna: risolto il mistero dell'eclissi del 5 maggio 1.110 d.C.
Description
Alla vigilia di un’eclissi il satellite sparì nel cielo: a provocare la rarissima «eclissi nera» fu con ogni probabilità un vulcano giapponese. 
Admin
Amici della Scienza
Amici della Scienza
https://www.focusuniverse.com/wp-content/uploads/2020/05/cats-1.png
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Translate »
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x