Amici della Scienza

Le cellule eucariote e procariote

il tipi di cellule Sono divisi in due grandi gruppi in base alla loro struttura: cellule procariotiche e cellule eucariotiche o anche chiamati procarioti o eucarioti. Per comprendere i diversi tipi di cellule e sue divisioni è fondamentale conoscere la definizione degli stessi, secondo H. Ross e Wojciech P. (2015) diventa: “Cellule sono le unità strutturali e funzionali di base di tutti gli organismi multicellulare “(p.25).

Le cellule eucariote e procariote 1

Il corpo umano è costituito da miliardi di cellule all’interno delle quali avvengono processi multipli che vanno di pari passo con le azioni dell’organismo. Azioni comuni come movimento, digestione, ingestione, riproduzione, ecc. Le cellule hanno la capacità di riprodursi indipendentemente e ciascuna di esse è formata da tre strutture di base che sono un citoplasma, un nucleo e una membrana plasmatica. La composizione sopra menzionata in cui il nucleo è circondato da una membrana sono cellule eucariotiche. Questo è ciò che li differenzia dal secondo gruppo, i procarioti, che non hanno una membrana e quindi il materiale genetico non è separato dal citoplasma.

Cellule eucariotiche: caratteristiche principali

Le cellule eucariote e procariote 2

In questo tipo di cellule, il materiale genetico è diviso in cromosomi che a loro volta sono formati da proteine ​​e DNA, in modo che quest’ultimo si trovi all’interno del nucleo. Le cellule eucariotiche possono essere animali o piante. Eucariotica, considerate le cellule più avanzate presenti all’interno di più scomparti come i mitocondri, il reticolo endoplasmatico e cloroplasti, tra gli altri. Queste cellule hanno una dimensione dieci volte più grande e possono presentare organismi come animali, funghi, piante o piante e amebe. La cellula animale è caratterizzata dalla sua mancanza di parete cellulare e cloroplasti e la dimensione dei suoi vacuoli è piccola.

Le cellule eucariote e procariote 3
Pianta la cellula eucariotica.

Queste cellule hanno la capacità di verificarsi in diverse forme appunto non hanno una parete cellulare rigida e può anche eseguire la riproduzione sessuale dove i discendenti sono simili ai genitori. D’altra parte, la cellula vegetale se hanno una parete cellulare rigida. Tutti gli organismi sono costituiti da queste cellule sono in grado di generare il proprio opposto cibo e animali delle cellule di questo se si dispone di cloroplasti che sono mediatori nel processo di fotosintesi.

Parti di cellule eucariotiche

Le cellule eucariote e procariote 4
Rappresentazione della cellula umana eucariotica.

citoplasma

Si trova tra la membrana plasmatica e il nucleo, al suo interno ci sono gli organelli e il citoscheletro. Gli spazi che sono contenuti dalle membrane degli organelli costituiscono i mircocompartimientos intracellulari.

apparato del Golgi

Le cellule eucariote e procariote 5

È un organello membranoso costituito da diverse cisterne appiattite che sono responsabili della modifica e della classificazione delle proteine. Nell’apparato di Golgi, vengono generate anche vescicole che possono raggiungere la membrana rilasciando il contenuto all’esterno.

membrana al plasma

Le cellule eucariote e procariote 6

Costituita da lipidi, proteine ​​e carboidrati, questa membrana costituisce il limite cellulare e i confini di diversi organelli all’interno della cellula; in questo modo controlla il passaggio delle molecole e riceve anche gli stimoli prodotti. I lipidi sono organizzati in due strati e le proteine ​​si trovano attraverso questi due strati.

endosomi

Questi possono essere classificati come compartimenti limitati da una membrana che fa parte dei meccanismi di endocitosi. La funzione principale è la classificazione delle proteine ​​che vengono inviate attraverso le vescicole e inoltrate alle loro destinazioni finali che sarebbero diversi compartimenti cellulari.

lisosomi

Le cellule eucariote e procariote 7

Sono organelli che hanno enzimi digestivi. L’apparato di Golgi rilascia vescicole e da lì si formano questi enzimi, che contengono proteine ​​di membrana.

Reticolato del reticolo endoplasmatico (RER)

Le cellule eucariote e procariote 8

È una zona del reticolo che ha i ribosomi associati alla membrana dell’organello. In esso, le proteine ​​vengono modificate e sintetizzate. La sua funzione principale è quella di produrre proteine ​​che agiscano all’esterno della cellula o all’interno di una vescicola.

Reticolo endoplasmatico liscio (REL)

Le cellule eucariote e procariote 9

Questa regione del reticolo non ha ribosomi, quindi il suo aspetto liscio è responsabile della sintesi di lipidi e steroidi.

mitocondri

Le cellule eucariote e procariote 10

I mitocondri sono grandi organelli ovali che hanno una doppia membrana. Uno di questi ha un aspetto liscio e l’altro ha delle pieghe che si chiamano creste. Questi organelli hanno la capacità di dividere e formare proteine, responsabili di fornire la maggior parte dell’energia alla cellula. L’interno dei mitocondri è chiamato matrice mitocondriale e contiene RNA e ribosomi (batteri) e DNA circolare.

ribosomi

Sono strutture essenziali per la sintesi delle proteine. Sono costituiti da RNA e proteine ​​ribosomali. I ribosomi servono a produrre proteine.

centrioli

Le cellule eucariote e procariote 11

I centrioli sono strutture cave a forma di cilindro formate da microtubuli.I suoi derivati ​​generano i corpi basali delle ciglia, inoltre appaiono solo nelle cellule di tipo animale.

proteasomi

Sono complessi proteici che distruggono enzimaticamente le proteine ​​danneggiate.

citoscheletro

Le cellule eucariote e procariote 12

È lo scheletro cellulare in quanto tale ed è costituito da proteine.

microtubuli

Le cellule eucariote e procariote 13

Fa parte degli elementi del citoscheletro insieme ai filamenti. Possono allungarsi e accorciarsi, il che è noto come instabilità dinamica.

filamenti

Le cellule eucariote e procariote 14

Possono essere classificati in filamenti di actina e filamenti intermedi. L’actina è un filamento flessibile di molecole di actina e gli intermedi sono fibre simili a stringhe che si formano da diverse proteine.

Importanza del nucleo nella cellula

Le cellule eucariote e procariote 15
Cellule epiteliali umane nella bocca.,

La presenza di un nucleo è molto importante perché è il luogo in cui è alloggiato il DNA ed è questo che ha la capacità di costruire proteine. Nelle cellule eucariotiche, l’involucro nucleare ha piccoli pori (detti anche pori nucleari) che permettono ad alcune macromolecole di entrare e uscire. In queste molecole sono incluse quelle di RNA che sono quelle che portano l’informazione di un DNA cellulare tra il nucleoplasma e il citoplasma, in particolare per i centri di produzione di proteine. Il nucleoplasma d’altra parte è il liquido semi-solido all’interno del nucleo in cui si trovano anche la cromatina e il nucleolo. Il nucleo è l’organello più prominente nella cellula e, sia la sua membrana interna che la membrana esterna, sono bistrati di fosfolipidi.

Cellule procariotiche: struttura e componenti

Le cellule eucariote e procariote 16

La caratteristica principale della cellula procariota è che mancano di un nucleo definito. Tuttavia, hanno una parte all’interno dello stesso chiamato nucleotide e in essa è alloggiata una singola molecola di DNA a doppio filamento circolare cromosomica. Inoltre, cellule procariotiche sono classificati secondo la costituzione della sua parete cellulare e questo dipenderà anche la quantità di peptidoglicano è presente al loro interno. Gli organismi gram-negativi contengono circa il 90% di peptidoglicano nella parete cellulare, che è corrispondentemente sottile perché è costituito da pochi strati, mentre gli organismi gram-positivi mancano della membrana esterna.

Ci sono alcuni componenti chiave e necessari per chiamare una cellula come tale, come la membrana plasmatica, il citoplasma, il DNA e i ribosomi. Ora, le cellule procariotiche sono un organismo semplice, cioè una singola cellula, senza un nucleo e senza organelli attaccati alla membrana. È importante tenere presente che le cellule procariotiche non sono divise dalle pareti della membrana all’interno, ma in realtà consistono in un’unica apertura di spazio aperto. Il DNA situato nelle cellule procariotiche è per lo più in una zona situata nel centro chiamata nucleoide, che consiste in un grande anello.

Tipi di cellule procariotiche

Le cellule eucariote e procariote 17
Batteri.

Per quanto riguarda queste cellule ci sono due tipi principali: batteri e archaea o archaea (organismi cellulari). Secondo Shmoop redazione (2008), attualmente i biologi stimano che l’essere umano ha il suo corpo in circa 20 volte più quantità di cellule batteriche (procariote) che le cellule umane (eucarioti). Questa statistica può confondere le persone, la verità è che la funzione di tutti questi batteri non è danneggiare ma aiutare. Se sei interessato a saperne di più sul numero di cellule che il corpo umano ha clika in questo link.

L’archeologia costituisce un dominio di microrganismi unicellulari. Questi microbi sono procarioti, mentre i batteri formano un dominio ampio e alto di microrganismi procarioti. Archaea o archaea e batteri sono simili per dimensioni e forma. Entrambi hanno la stessa struttura cellulare generale, ma nell’archaea l’organizzazione e la composizione cambiano un po ‘. Ad esempio, non hanno membrane interne come i batteri, ma entrambi hanno una parete cellulare e usano flagelli per nuotare. La principale differenza delle archaeas è che la loro parete cellulare non ha il peptidoglicano e la membrana di questa cellula usa i lipidi legati dall’etere mentre i batteri usano i lipidi legati all’estere.

Parti di cellule procariotiche

Le cellule eucariote e procariote 18
Rappresentazione della cellula procariotica.

Membrana al plasma

Le cellule procariotiche possono avere varie membrane plasmatiche. Procarioti noti come batteri gram-negativi, di solito hanno due membrane plasmatiche con essi spazio che porta il nome periplasma.

Materiale genetico (DNA e RNA)

Le cellule procariote hanno una grande quantità di materiale genetico sotto forma di DNA e RNA. Poiché le cellule procariotiche mancano di un nucleo, il citoplasma contiene l’unica grande catena circolare di DNA che contiene la maggior parte dei geni necessari per la crescita, la riproduzione e la sopravvivenza delle cellule.

citoplasma

Le cellule eucariote e procariote 19

Il citoplasma di questo tipo di cellule è una sostanza molto simile a un gel, in cui tutti gli altri componenti cellulari sono sospesi.È abbastanza simile al citoplasma delle cellule eucariotiche, con la differenza che non contiene organelli.

ribosomi

I ribosomi delle cellule procariotiche sono più piccoli e hanno una composizione e una forma leggermente diverse da quelle che si trovano nelle cellule eucariotiche. I ribosomi batterici contengono circa la metà della quantità di RNA ribosomiale (rRNA) e una terza meno proteine ​​ribosomali rispetto ai ribosomi delle cellule eucariotiche. La funzione dei ribosomi presenti in entrambi i tipi di cellule è praticamente la stessa. I ribosomi procariotici costruiscono anche proteine ​​attraverso messaggi inviati dal DNA.

Pili (singolare pilus)

Sono strutture sulla superficie della cellula che si attaccano ad altre cellule batteriche. Le pillole più corte, chiamate fimbre, aiutano i batteri ad aderire alle superfici.

flagelli

Le cellule eucariote e procariote 20

Sono lunghe protuberanze sotto forma di frusta che aiutano nella locomozione cellulare.

plasmidi

Le cellule eucariote e procariote 21

I plasmidi sono strutture circolari del DNA, sono portatori di geni che non sono coinvolti nella riproduzione.

nucleoide

Il nucleoide è l’area del citoplasma che contiene l’unica molecola di DNA batterica.

capsula

Si trova in alcune cellule batteriche e aiuta a trattenere l’umidità, aiuta la cellula a aderire alle superfici e ai nutrienti, è un rivestimento esterno aggiuntivo che protegge la cellula quando viene assorbita da altri organismi.

Studi sui batteri

Attualmente, i biologi stanno studiando se i batteri sono in grado di collaborare tra loro e comunicare. Inoltre, si ritiene che alcune cellule archaean abbiano la capacità di raffinare ambienti così ostili che nessuna cellula eucariotica potrebbe supportare nemmeno un minuto. Generalmente le cellule procariotiche tendono ad avere strutture meno visibili e le strutture che possiedono sono più piccole di quelle contenute negli eucarioti. Diverse evidenze in studi fino ad oggi hanno supportato l’idea che le cellule eucariotiche siano in realtà discendenti delle cellule procariotiche separate che si univano in una giunzione associativa. Si dice che i mitocondri potrebbero essere il pronipote di un batterio libero che è stato avvolto da un’altra cellula. La cellula che è rimasta come ospite ha beneficiato dell’energia chimica prodotta dai mitocondri e, a sua volta, i mitocondri hanno beneficiato dell’ambiente ricco di sostanze nutritive e protetto circondandolo. Questo tipo di associazione, in cui un organismo prende la residenza permanente in un altro e alla fine si evolve in un unico lignaggio, è chiamato endosimbiosi.

Riferimenti e Approfondimenti

  1. Michael H. Ross, Wojciech Pawlina (2015) ROSS Testo istologico e atlante. Correlazione con la biologia molecolare e cellulare 7a edizione. Wolters Kluwer.
  2. Enciclopedia delle classificazioni. (2016). Tipi di cellule.
  3. Portale educativo (2012) Fonte: portaleducativo.net
  4. eBook: Essentials of Cell Biology, Unit 1.2,
  5. eBook: biologia cellulare per seminari, unità 1.2.
  6. “Caratteristiche delle cellule eucariotiche”. Boundless Biology Boundless “, 13 dic. 2016. Recuperata il 28 dicembre 2016.
  7. “Cellule procariotiche” di OpenStax College, Biology, CC BY 3.0.
  8. Shmoop Editorial Team. (2008, 11 novembre). Biologia Struttura e funzione della cellula procariotica – Shmoop Biology. Estratto il 29 dicembre 2016.
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Translate »
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x